The Bald Truth About Cancer: My Chemo Story


Rispettiamo la tua privacy. Di Linda White, MD, Special to Everyday Salute Da giovane, ho classificato la calvizie come una delle peggiori conseguenze del cancro. Sì, sono davvero così superficiale. Ma non sono solo.

Rispettiamo la tua privacy.

Di Linda White, MD, Special to Everyday Salute

Da giovane, ho classificato la calvizie come una delle peggiori conseguenze del cancro.

Sì, sono davvero così superficiale.

Ma non sono solo. Gli studi dimostrano che il 47% delle donne con cancro considera la perdita di capelli l'aspetto più traumatico della chemioterapia e l'8% dichiara di rifiutare la chemioterapia per tale motivo.

Dopo aver ricevuto una diagnosi di carcinoma polmonare in stadio avanzato nel novembre 2013, I sentivo una certa consolazione nel fatto che i trattamenti iniziali mi permettevano di mantenere i capelli. Ma a maggio 2015, ho iniziato a prendere un farmaco sperimentale che ha danneggiato sia le cellule tumorali che i follicoli piliferi. A quel punto, ho messo la perdita di capelli su una scala e l'estensione della vita sull'altra, e quest'ultima ha sicuramente più peso.

Ho intrattenuto pensieri positivi: sono solo i capelli. Ricrescerà. Imparerò a legare sciarpe. Non dovrò radermi o strappare. Non sprecherò tempo e denaro per farlo. Quale migliore occasione per tatuarmi il cuoio capelluto? Mi sento più fresco in estate. Sono troppo vecchio per essere vanitoso.

Eppure il mio aspetto si è rivelato molto importante per me.

Ho passato un po 'di tempo a riflettere sull'importanza dei capelli, e ho capito che il soggetto ha avuto un ruolo importante storia, letteratura, arte e musica.

Storia dei capelli: Sansone, Lady Godiva e Raperonzolo

Nel corso dei secoli, i capelli hanno simboleggiato molte cose - tra cui potere, sessualità, bellezza, vitalità, gioventù, stato civile, credenze religiose e identità della personalità. La caduta di Sansone confessava a Dalila che la sua grande forza derivava dai suoi capelli, che aveva giurato a Dio di non tagliare.

Le tribù raccoglievano il cuoio capelluto dei loro nemici. Come parte del processo di disumanizzazione, i nazisti hanno rasato le teste dei detenuti nel campo di concentramento. I riti di abbandono e di iniziazione per le squadre sportive varsane, le fraternità e l'esercito spesso implicano la tosatura dei capelli di un subordinato.

Molte religioni ortodosse hanno regole che governano i capelli. Tradizionalmente, uomini e donne sikh non si tagliano i capelli. Gli ebrei ortodossi indossano le pietre laterali. Le donne musulmane devono coprirsi i capelli; gli uomini lo fanno solo quando pregano. Le donne Amish portano i loro lunghi capelli arrotolati sotto un berretto da preghiera; gli uomini si tolgono il cappello per pregare.

Nella letteratura e nella leggenda, i capelli hanno avuto un ruolo da protagonista. In La lettera scarlatta , Hester Prynne affronta i suoi accusatori con i suoi capelli lucenti e lucenti che pendono giù. Con il passare degli anni, si infila le trecce sotto un berretto, nascondendo la sua bellezza. Rapunzel usava le sue serrature come una scala. Senza le sue lunghe ciocche, Lady Godiva avrebbe avuto una corsa fredda.

Le acconciature definiscono le ere. Dopo anni di ciambelle, trecce e chignon, le donne degli anni '20 hanno osato mettersi i capelli. Ogni decennio successivo ha prodotto un look iconico indossato da Katherine Hepburn, Rita Hayworth, Marilyn Monroe, Audrey Hepburn, Farrah Fawcett, Michelle Pfeiffer, Jennifer Aniston e Oprah Winfrey.

Non sorprendentemente, i capelli hanno vantaggi di sopravvivenza. Isola e protegge il cuoio capelluto dalle scottature. Si scalda la testa in inverno. Nel bene o nel male, intrappola il tuo profumo. I peli del corpo facilitano l'evaporazione del sudore. Ciglia e sopracciglia proteggono i tuoi occhi dal vento e dalla grinta nell'aria. I peli del naso intrappolano i detriti per impedirgli di entrare nelle vie respiratorie. I nervi associati ai follicoli piliferi aumentano la sensazione.

Giorni di capelli cattivi, giorni di capelli buoni

Alcuni dei miei momenti decisivi ruotavano intorno ai capelli. Nei miei primi anni, mia madre controllava la mia pettinatura. Riesco a ricordare vividamente il lusinghiero taglio di capelli da folletto, l'orribile permanente di casa, il ritualistico taglio della mia frangia poco prima delle foto di scuola. Ma ricordo anche il conforto di mia madre che mi pettinava e mi intrecciava i capelli prima di andare a scuola.

Da adolescente, ho strappato il controllo sui miei capelli e l'ho lasciato crescere a lungo. Sono riuscito a dormire con esso avvolto attorno a vuote lattine di succo d'arancia per renderlo liscio. Piegato su un asse da stiro, lo raddrizzai. Ho visto il musical Hair e memorizzare i testi delle canzoni. Volevo sembrare come se anche io fossi entrato nell'Era dell'Acquario.

I miei genitori guardarono con sospetto i fidanzati irsuti. I riccioli tornarono in grande stile, portando a un'altra cattiva permanente. Mi doleva dopo che un nuovo parrucchiere mi ha tagliato i capelli in qualcosa che assomigliava a una triglia una settimana prima del mio matrimonio. Sulla quarantina, mi sono tormentato sul fatto di ottenere punti salienti. Nei miei anni Cinquanta, ho sperimentato diversi stili e lunghezze.

La chemio che ha nuked i miei capelli

Considerato l'antico significato dei capelli, forse non è sorprendente che la perdita di capelli indotta dalla chemioterapia possa traumatizzare una persona. Anche se la calvizie non è così alta nella mia scala Richter, per alcune persone lo fa.

Due settimane dopo la mia prima infusione del farmaco sperimentale di cui sopra, mentre ero in viaggio verso l'aeroporto, i miei capelli cominciarono a cadere . E 'stata l'ultima giornata di brutti capelli. Sembravo avere una rogna. Nel mio affitto Airbnb, ho trovato un paio di forbici sbiadite e mi sono tagliato i capelli il più corto possibile. Ho comprato un cappello e mi sono masturbato, sentendomi estremamente impacciato.

Tornato a casa, ho fatto esperimenti con sciarpe, cappelli e parrucche. Quando le mie ciglia e le mie sopracciglia sono cadute, ho imparato alcuni trucchi di trucco. Mi morsi la lingua quando le persone mi dissero quanto ero bello e fingevo invidia per non dover mantenere le loro lucenti ciocche.

Quello che non riuscivo a capire era uno strano senso di vergogna che mi spingeva a mascherare la realtà. Se qualcuno ha suonato il campanello, ho gettato la mia parrucca prima di rispondere. Mi chiedevo perché.

Conosco e ammiro una donna che è stata calva all'età di 11 anni per l'alopecia universale (una presunta malattia autoimmune). Con fiducia parla di "topless". Penso che sia bellissima. Mio marito mi assicura che anch'io sono bellissima. Vorrei poter credergli. Sono un prodotto di storia, cultura e costume.

Più fastidioso per me è stato il fatto che la perdita dei capelli mi ha smascherato come un malato di cancro. Gli estranei totali vogliono sapere che tipo di cancro ho. Con gli occhi pietosi, chiedono come sta andando il trattamento, come mi sento, e quanto tempo mi rimane. Ironia della sorte, il farmaco che ha nuvolato la mia caduta dei capelli ha causato pochi effetti collaterali e ha soppresso i miei tumori per quasi sei mesi.

Purtroppo, questo farmaco ha smesso di funzionare. Ma hey, i miei capelli stanno ricrescendo! Molto lentamente. Ogni mattina, controllo i suoi progressi. Sogno di sedermi sul vecchio sgabello da cucina mentre mia madre mi spazzola e mi intreccia i capelli. Sogno di correre lungo le spiagge e giù per le colline con il vento che mi solleva i capelli.

Linda White, MD , è stato coautore della rubrica "Pulcini dei rimedi di tutti i giorni" sui rimedi naturali. È deceduta il 27 febbraio 2016 per cancro al polmone.

FOTO: Cortesia Linda WhiteLast Aggiornamento: 1/19 / 2016Importante: I punti di vista e le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non di Everyday Health. Vedere di più Tutte le opinioni, i consigli, le dichiarazioni, i servizi, gli annunci pubblicitari, le offerte o altre informazioni o contenuti espressi o resi disponibili tramite i Siti da parte di terzi, compresi i fornitori di informazioni, sono quelli dei rispettivi autori o distributori e non Tutti i giorni. Né Everyday Health, i suoi licenziatari né i fornitori di contenuti di terze parti garantiscono l'accuratezza, la completezza o l'utilità di qualsiasi contenuto. Inoltre, né Everyday Health né i suoi Licenzianti approvano o sono responsabili dell'accuratezza e dell'affidabilità di qualsiasi opinione, consiglio o affermazione fatta su alcuno dei Siti o dei Servizi da parte di soggetti diversi da un rappresentante autorizzato di Salute o Licenziante di tutti i giorni mentre agisce nel suo / a suo / a funzionario / a. capacità. Potresti essere esposto attraverso i Siti o i Servizi ai contenuti che violano le nostre politiche, è sessualmente esplicito o è altrimenti offensivo. L'accesso ai Siti e ai Servizi è a proprio rischio. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la tua esposizione a contenuti di terzi sui Siti o sui Servizi. La salute di tutti i giorni e i suoi licenzianti non assumono e rinunciano espressamente all'obbligo di ottenere e includere informazioni diverse da quelle fornite da fonti di terze parti. Dovrebbe essere inteso che non difendiamo l'uso di qualsiasi prodotto o procedura descritta nei Siti o attraverso i Servizi, né siamo responsabili per l'uso improprio di un prodotto o una procedura a causa di un errore tipografico. Vedi meno

Lascia Il Tuo Commento