I miei figli erediteranno la mia malattia psoriasica?


Rispettiamo la tua privacy. Il rischio di passare una condizione cronica per tuo figlio è reale, ma è difficile dire quale sia l'effettiva probabilità. Piccole immagini Come mamma, ci sono molte paure e preoccupazioni per i tuoi figli.

Rispettiamo la tua privacy. Il rischio di passare una condizione cronica per tuo figlio è reale, ma è difficile dire quale sia l'effettiva probabilità. Piccole immagini

Come mamma, ci sono molte paure e preoccupazioni per i tuoi figli. Se hai una condizione cronica, come la psoriasi, che può aggiungere una serie di altre preoccupazioni: come andrà la mia gravidanza con questa condizione? Dovrò interrompere i miei farmaci? Una volta partorito, avrò una riacutizzazione di artrite psoriasica o psoriasi?

Un'enorme preoccupazione è il pensiero di passare la malattia autoimmune al tuo piccolo. L'ultima cosa che vogliamo è che i nostri figli combattano la fatica, le articolazioni gonfie e doloranti e l'angoscia mentale.

Quando ho scoperto per la prima volta di essere incinta, mio ​​marito mi ha chiesto se c'era la possibilità di passare la condizione a nostro figlio. La possibilità esiste certamente, ma è difficile dire quale sia la reale probabilità.

Ho condiviso le mie preoccupazioni con alcuni amici che hanno una malattia psoriasica. Todd, che è anche un sostenitore del paziente, mi ha detto che ha alcune delle stesse paure.

"Ho due bambini meravigliosi che si avvicinano all'età quando fui diagnosticato per la prima volta", dice. "So come questa malattia ha fatto deragliare la mia carriera. So come improvvisamente le persone mi hanno trattato in modo diverso. Era una pillola dura da inghiottire. "

Ma Todd si consola nel sapere quanti progressi sono stati compiuti nel trattamento della malattia psoriasica. "I farmaci sono incredibili in questi giorni, e hanno così tante più opzioni rispetto a quando sono stato diagnosticato per la prima volta", dice. Eppure, ha aggiunto. "Preferisco che non debbano fare questo giro sulle montagne russe."

Il mio amico e avvocato Sabrina fu d'accordo. "La mia più grande paura di avere la psoriasi era trasmetterla ai miei figli", mi ha detto. "Ma sono sinceramente grato per i trattamenti, le risorse e il supporto che abbiamo ora che allevia la mia preoccupazione giorno per giorno".

Sabrina ha sottolineato l'importanza di essere ben informato sulla ricerca e sui trattamenti ", così che se i miei figli mai lo avessero capito, so che abbiamo delle opzioni. "

Un altro modo in cui Sabrina combatte le sue paure è il volontariato con organizzazioni come la National Psoriasis Foundation. "Mi piace il fatto che abbiano un programma specificamente dedicato ai bambini con psoriasi e artrite psoriasica", dice. "Anch'io coinvolgo i miei figli nelle passeggiate e nella raccolta di fondi che faccio, in modo che possano vedere cosa fa la mamma per chi vive con la psoriasi e come mi aiuta a vivere con questa malattia."

Parlare con Todd e Sabrina ha davvero aiutato. Certo, ci sono motivi per preoccuparsi, ma ci sono numerosi motivi per essere ottimisti.

Vorrei passare tre cose da ricordare che possono calmare le tue paure e ansie:

1. Nuove opzioni di trattamento psoriasico Ogni anno sono disponibili sempre più opzioni di trattamento. Una vasta gamma di prodotti iniettabili, pillole e attualità può aiutare i pazienti a gestire i loro sintomi.

Come genitori, possiamo stare tranquilli sapendo che sono stati approvati più trattamenti per le indicazioni dei giovani. I medici hanno ora più informazioni che possono aiutarli a diagnosticare e trattare i pazienti in modo efficace. E i genitori che hanno sperimentato le loro prove e tribolazioni con la condizione possono aiutare a guidare meglio i loro figli.

2. Opportunità di ricerca e di advocacy Sono ambasciatore della National Psoriasis Foundation e vedo quanto siano tremendamente influenti nella ricerca. Hanno sovvenzioni che stanno portando avanti trattamenti innovativi. Hanno programmi come il programma One to One Mentor che ti connette con gli altri che vivono con la malattia psoriasica. Hanno anche organizzato eventi e passeggiate. Avere una base così solida dietro questa condizione può aiutare pazienti e genitori a sentirsi sicuri che ci sia qualcuno che combatte per loro.

3. Supporto all'interno della comunità Il programma One to One Mentor è solo un esempio dello straordinario supporto disponibile nell'artrite psoriasica e nella comunità della psoriasi. Ci sono molti blogger (come Sabrina e io), gruppi di Facebook (come Todd's) e risorse, come NPF e Everyday Health, disponibili. I pazienti possono stare tranquilli sapendo che non sono soli.

Non vorrei mai avere l'artrite psoriasica e la psoriasi sui miei figli, ma queste cose mi aiutano a riposare un po 'più facilmente. Alcune cose sono fuori dal nostro controllo, ma possiamo rilassarci un po 'e alleviare le ansie di essere genitori se ci concentriamo sugli aspetti positivi. Ultimo aggiornamento: 1/9 / 2018Importante: le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono quelle del autore e non salute quotidiana. Vedere di più Tutte le opinioni, i consigli, le dichiarazioni, i servizi, gli annunci pubblicitari, le offerte o altre informazioni o contenuti espressi o resi disponibili tramite i Siti da parte di terzi, compresi i fornitori di informazioni, sono quelli dei rispettivi autori o distributori e non Tutti i giorni. Né Everyday Health, i suoi licenziatari né i fornitori di contenuti di terze parti garantiscono l'accuratezza, la completezza o l'utilità di qualsiasi contenuto. Inoltre, né Everyday Health né i suoi Licenzianti approvano o sono responsabili dell'accuratezza e dell'affidabilità di qualsiasi opinione, consiglio o affermazione fatta su alcuno dei Siti o dei Servizi da parte di soggetti diversi da un rappresentante autorizzato di Salute o Licenziante di tutti i giorni mentre agisce nel suo / a suo / a funzionario / a. capacità. Potresti essere esposto attraverso i Siti o i Servizi ai contenuti che violano le nostre politiche, è sessualmente esplicito o è altrimenti offensivo. L'accesso ai Siti e ai Servizi è a proprio rischio. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per la tua esposizione a contenuti di terzi sui Siti o sui Servizi. La salute di tutti i giorni e i suoi licenzianti non assumono e rinunciano espressamente all'obbligo di ottenere e includere informazioni diverse da quelle fornite da fonti di terze parti. Dovrebbe essere inteso che non difendiamo l'uso di qualsiasi prodotto o procedura descritta nei Siti o attraverso i Servizi, né siamo responsabili per l'uso improprio di un prodotto o una procedura a causa di un errore tipografico. Vedi meno

Lascia Il Tuo Commento